Invertising: come trasformare la pubblicità in un servizio prezioso e atteso

Posted By Andrea Genovese / 7 dicembre 2009 / , , , , / 2 Comments

Invertising di Paolo Iabichino

Cosa succede se la pubblicità cambia il suo senso di marcia?

Dopo Spatuzza arriva Iabichino, non un pentito di mafia, ma della pubblicità. In realtà Paolo Iabichino non è proprio un pentito, non ha mai tradito la sua “organizzazione”, la multinazionale della pubblicità, Ogilvy, in cui è direttore creativo in Italia da quasi dieci anni.

Le idee contenute nel suo libro, Invertising, in libreria in questi giorni, non sono le confessioni di un pubblicitario, ma l’analisi appassionata e rivoluzionaria di un giacobino della creatività.

Invertising-Paolo-Iabichino

Invertising esce proprio durante il vertice sul cambiamento climatico di Copenhagen, perché la pubblicità è ancora percepita come il braccio armato di quel capitalismo, affatto scalfito dalla lotta di classe, e arrivato indenne all’ultima crisi planetaria.

Ma la pubblicità è davvero un agente inquinante o è possibile migliorarla, affinché non venga vista come un fastidio necessario? Come riconquistare consenso e fiducia, come dare una nuova dignità a un mestiere percepito con sospetto e diffidenza?

7thFloor ti regala in esclusiva e in anteprima il primo capitolo di Invertising: Abbasso la Pubblicità, un invito a ripercorre il crollo del consenso nei confronti della pubblicità, in un’approfondita analisi di Astra Ricerche.

L’advertising si trasforma e cambia direzione: una vera e propria inversione di marcia della pubblicità, dove la creatività diventa fondamentale per catalizzare l’attenzione del pubblico, non più considerato come un semplice target. In nome della rilevanza, dell’etica e di un rinnovato patto di fiducia tra brand e individui, il dialogo si sostituisce ai monologhi della réclame, la comunicazione diventa conversazione, lo shopping si fa condivisione e la persuasione si trasforma in consenso. Si passa dalle idee agli ideali, perché in futuro i consumatori saranno sempre più critici e consapevoli, e la pubblicità, nelle sue forme più diverse, potrà tornare ad essere un servizio prezioso e atteso.”

Paolo-IabichinoPaolo Iabichino è direttore creativo in Ogilvy e collaboratore di Nòva24 del Sole 24 Ore. È passato dall’advertising tradizionale alla comunicazione relazionale, incontrando qui la giusta dimensione di uno scrivere più attento al destinatario.

Anna Bartolini, autrice della Prefazione, è docente di Diritto del consumo presso l’Università Iulm di Milano. Alla scadenza del suo terzo mandato, dopo nove anni a Bruxelles come rappresentante al Parlamento Europeo dei Consumatori Italiani. Oggi rappresenta il Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti, in una delle tre commissioni create dalla Banca d’Italia per la conciliazione tra banche e risparmiatori.

Scarica il primo capitolo del libro: Invertising Paolo Iabichino.

Andrea Genovese
direttore di 7thFloor

Comments

Comments are not allowed